CONSAPEVOLEZZA, RESPONSABILITÀ, PRESENZA

CONSAPEVOLEZZA, RESPONSABILITÀ, PRESENZA

CONSAPEVOLEZZA, RESPONSABILITÀ, PRESENZA
Verso lo sviluppo delle qualità dell’ essere per la costruzione di un nuovo mondo

Tuttavia , la presenza mentale della posizione del corpo non basta. Dobbiamo essere coscienti di ogni respiro, di ogni movimento e sensazione di tutto quanto ci riguarda in un modo o nell’ altro”.
Thich Nbat Hanh

La pratica di accettare ad ogni istante lo stato presente in cui Dio ci pone può da sola mantenerci sempre nella pace nel cuore
Jean Pierre Coussede

Mantenere una consapevole e profonda presenza mentale nella nostra vita quotidiana richiede un grande impegno. Il tema della concentrazione , oggi, è una vera e propria emergenza.
Una moltitudine di stimoli ( visivi, sonori, informativi, etc) ci pervadono lasciandoci, spesso, storditi e ipnotizzati.
Siamo sempre più spesso in una situazione di multi-connessione; si dialoga con un amico, si risponde al telefono o si inviano messaggi con sullo sfondo una televisione accesa.

E  l’esterno rispecchia l’ interno (o viceversa) : seguiamo con la mente interna una moltitudine di stimoli, passando rapidamente da un frammento di pensiero o immagine ad un altro. Tutto questo ci rende come afferma Andreoli degli uomini e delle donne di superficie. Stare responsabilmente in presenza implica un lavoro, travail, una fatica, e come diceva Conrad , “il lavoro non mi piace – non piace a nessuno – ma mi piace quello che c’è nel lavoro: la possibilità di trovare se stessi”.

Il piacere vero, profondo ( e non la gratificazione immediata, effimera, glucosica – non so se lo si dice – ), quello che dura e non intossica, non ci viene regalato, ma è frutto, appunto, di un certo lavoro, di essere presenti , presenti nei nostri atti e pensieri quotidiani.
Diventa essenziale aiutarci a creare uno spazio dove potere innalzare la nostra consapevolezza di quello che sono i nostri processi interiori : dove si indirizza la nostra attenzione ? Come ci orientiamo ? Quali sono le nostre abitudini di orientamento ? Quali sono le nostre sensazioni corporee ? E le nostre emozioni ?
Solo se iniziamo ad essere consapevoli dei nostri movimenti interiori possiamo imparare a orientarci, concentrarsi e a “stare” su cose che ci fanno sentire “bene”, al “sicuro”, che aumentano il nostro potenziale creativo e umano, piuttosto che subire una dispersione frustrante e dannosa per noi e per chi ci sta accanto. Pensiamo che sia entusiasmante liberarci, insieme, dagli inganni e dalle ideologie che abbiamo interiorizzato dato un sistema economico-culturale e relazionale che contribuisce a mantenere ignoranza e inerzia. Solo così si può consolidare il potere in mano a pochi.

Sviluppare consapevolezza, responsabilità, presenza, attraverso la “coltivazione di un atteggiamento e non la ricerca di un’ esperienza speciale , allora tutta la nostra vita si apre e ogni attività può diventare un veicolo di risveglio” (C. Pensa) per noi e per la comunità.

Sabato 29 – Domenica 30 Settembre 2018
Via del Vivaio del Malcantone. 15 – Firenze
orario 9.30-13 / 14 – 17.30

Conduzione : Giuseppe Tomai – Formatore Aico

Posted by wp_6084791 in Seminari
LA SINTONIZZAZIONE EMOZIONALE

LA SINTONIZZAZIONE EMOZIONALE

L’ ascolto, l’ empatia e la comprensione profonda nel nostro mondo interno e nella relazione interpersonale

“ che lungo la strada della nostra vita, ognuno deve avere l’ opportunità di raccontare la sua storia, e mentre ciascuno racconta la propria storia ci deve essere qualcuno che ascolti”
( S. B. Kopp)

“ E’ una breve sequenza durata pochissimi minuti, eppure ci consente di capire molte cose di quello che sta succedendo fra Rosa(madre) e Roberto(figlio). Fra loro, potremo dire , s’è già creato un complicato gioco delle parti. Infatti nelle prime sequenze è Roberto il vero protagonista, mentre la madre si limita ad osservarlo, come se fosse lui a dare il ritmo alloro

Continue reading →

Posted by wp_6084791 in Seminari
EDUCARE OGGI: UNA SPERANZA POSSIBILE

EDUCARE OGGI: UNA SPERANZA POSSIBILE

Uno stimolo al confronto a alla condivisione rispetto all’esperienza dell’educare: l’attività più difficile ma la più importante e affascinante che l’essere umano possa svolgere.In un contesto dove i modelli si formano, prevalentemente, al di fuori degli ambienti educativi (mass-media, internet), ogni “educatore” dovrebbe riconoscere l’importanza del suo ruolo e accettare la sfida in atto trovando il coraggio, la pazienza e la passione per offrirsi come guida, anche se imperfetta.

Raccogliere questa sfida è fondamentale per dare senso al suo agire e ri-educarsi insieme ai suoi figli-allievi.

Continue reading →

Posted by wp_6084791 in Seminari
LE DINAMICHE AFFETTIVE ED EMOTIVE NEI GRUPPI

LE DINAMICHE AFFETTIVE ED EMOTIVE NEI GRUPPI

Creare libertà, comunità e rapporti sostenibili ha un prezzo. Richiede il tempo e il coraggio necessari per imparare ad essere nel fuoco della diversità. Significa rimanere centrati nel fuoco del conflitto. Richiede che si impari a conoscere le piccole e grandi organizzazioni…. “ ( Arnold Mindell )

Il gruppo è essenziale per lo sviluppo della vita psichica dell’ uomo.

Si studia il fenomeno « gruppo » e si parla della costituzione di « gruppi » soprattutto dal dopoguerra in poi. Il gruppo è sempre esistito ma non era diventato, come in questi ultimi anni, il centro di studio, il centro dell’ interesse della cultura psicologica e sociologica, il mezzo per avviare risposte al disagio e alla sofferenza . La diffusione del gruppo nelle organizzazioni del lavoro è molto evidente. Infatti, molte realtà organizzative possono essere viste e rappresentate come inter-azione di gruppi molteplici e articolati in modo complesso tra di loro, che avviano ed esplorano possibilità di connessioni e punti di contatto per il conseguimento degli obiettivi produttivi. Il gruppo è visto anche come strumento principale per incarnare processi democratici e di partecipazione. Ma cosa succede nei gruppi ? Quali dinamiche si attivano ? Come viene gestita la diversità ? Basta creare un gruppo per dire di far esistere la democrazia ? Come viene gestito il potere al suo interno ?

Come nell’ individuo nel gruppo si attuano processi consci e inconsci e sono soprattutto le leggi emotive e affettive che fanno da padrone.

Continue reading →

Posted by wp_6084791 in Seminari, 0 comments
RICONOSCERE E AFFRONTARE IL PROCESSO DEL MORIRE

RICONOSCERE E AFFRONTARE IL PROCESSO DEL MORIRE

“La paura mi entra nel cuore . Io ho paura della morte”. (Gilgamesh)
Due sono i tabù che dominano oggi, quello del sesso (?) e quello della morte.
L’ eros è affogato dalla pornografia, la morte è nascosta. La morte spesso è al centro della nostra vita ma le difese che erigiamo sono tali da impedirci di affrontarla con consapevolezza. Si può allontanare questo pensiero?
Non credo. Lo ritroviamo nel nostro immaginario, nel nostro mondo onirico, nella realtà della vita quotidiana. Tolstoj nella Morte di Ivan II’c fa dire al burocrate alla fine della sua vita che muoio male perchè ho vissuto male. Un fenomeno che osservano bene tutti quegli operatori che giornalmente stanno a contatto con i pazienti alla fine della loro vita.

Continue reading →

Posted by wp_6084791 in Seminari
COMPLETARE IL PASSATO

COMPLETARE IL PASSATO

Quanto del passato rimane nel passato o si porta nel presente?
“Agisci in modo che ogni tuo atto sia degno di diventare un ricordo“ (Kant)
Come sta lo stato di salute delle nostre radici? Qual è la qualità del rapporto che continuiamo ad avere con i nostri cari, vivi o morti che siano, con i nostri ex amici, ex amanti, ex colleghi? Possiamo individuare dei collegamenti tra problematiche del passato e difficoltà attuali? Sappiamo che disperdiamo un discreta quantità di energia da tutte quelle situazioni che non si sono concluse ? Le emozioni “negative”, visibili o invisibili, che rimangono attive , si insinuano nel nostro corpo e nella nostra mente. La particella che adesso siamo è il frutto della complessa interazione di tutti coloro che hanno accompagnato la nostra crescita e la stanno accompagnando.

Continue reading →

Posted by wp_6084791 in Seminari
LA VOLONTÀ GENTILE

LA VOLONTÀ GENTILE

“C’è una forza motrice più forte del vapore, dell’elettricità e dell’energia atomica: la volontà” (Albert Einstein)
«Qualunque cosa tu possa fare, qualunque sogno tu possa sognare, comincia. L’audacia reca in sé genialità, magia e forza. Comincia ora. » (Goethe)
Volontà, “ci vuole volontà”, “basta che tu ci metta un po’ di volontà”, ma cos’è questa caratteristica? Dove si trova ? A quali elementi interni debbo fare appello per sentire l’ energia della volontà ?
Le scienze umane e la psicologia in particolare non hanno trattato con la dovuta importanza questa qualità dell’ umano. La volontà è stata associata ( per lo meno da me) ed è stata presentata, spesso nella relazione educativa, come una amalgama di fatica, doveri, proibizioni e repressione. Non è questo che intendiamo con “volontà” , questa è la sua degenerazione (la parte ombra della volontà) , ma come la definiva C.G. Jung ,“la somma dell’energia psichica a disposizione della coscienza” ; è la forza, l’ audacia e il potere dell’ Io che discerne, che osserva, che riflette, il quale direziona e regola la spinta desiderante e realizzatrice dell’ individuo, dei suoi progetti, del suo senso esistenziale, nella sua specificità. Continue reading →

Posted by wp_6084791 in Seminari
RI-NASCERE. PERCHÈ NASCERE NON BASTA

RI-NASCERE. PERCHÈ NASCERE NON BASTA

«Nascere non basta. E’ per rinascere che siamo nati» (Pablo Neruda)
”Si deve essere pronti ad ardere nella propria fiamma: com’è possibile rinnovarsi senza prima essere divenuti cenere?” (F. Nietzsche)
“Gli esseri umani non nascono sempre il giorno
in cui le loro madri li danno alla luce, ma la vita ancora li costringe molte volte a partorirsi da sè.” (
Gabriel Garcìa Màrquez)
Ri-nascita. La nascita non è solo quella fisica, lo sappiamo. Nel nostro cammino di crescita tante sono le “nascite” e le “morti” . Ecco, per rinascere psicologicamente, per individuare sempre più me stesso , la mia unicità , la mia interiorità psichica e spirituale debbo fare i conti con “il lasciare andare” , far morire “qualcosa”.

Continue reading →

Posted by wp_6084791
RICONOSCERE E COLTIVARE LA NOSTRA MENTE INTUITIVA

RICONOSCERE E COLTIVARE LA NOSTRA MENTE INTUITIVA

«La mente intuitiva è un dono sacro e la mente razionale è un fedele servitore. Noi abbiamo creato una società che onora il servo e ha dimenticato il regalo» (A.Einstein)

«Volgi subito il tuo sguardo verso l’ interiore. Là si trova il centro di cui nessun nobile cuore può dubitare. Nessun errore è possibile, perchè la coscienza autonoma illumina ormai la tua vita quotidiana.» (J.W .Goethe)

Se c’è una caratteristica che l’uomo ha il « dovere » di sviluppare, questa è proprio, l’ intuizione. Anzi, forse, ha il dovere di mantenere ; si, perchè , l’intuizione è una di quelle alte funzioni umane che ci viene donata fin dall’ infanzia e poi, purtroppo, non viene un granchè mantenuta, anzi, viene relegata nei bassifondi dell’ anima, al pari di molte altri parti del sè bambino. Picasso l’ aveva intuito quando afferma che « Ogni bambino è un creativo. La vera sfida della vita è rimanere crescendo ». Ognuno di noi ha una particolare percezione di cosa sia l’ intuizione, anche perchè , l’ intuizione si presenta in molti modi. Appare alla coscienza come sensazione, immagine, azione, invito, lampo, attrazione/repulsione, etc. Ma che « valore » fornigli ? Cosa ci vuol dire ? Da quale parte di me arriva ? Come la spiego questa risposta ?

Continue reading →

Posted by wp_6084791 in Seminari
LE DINAMICHE DEL PROCESSO DI AIUTO

LE DINAMICHE DEL PROCESSO DI AIUTO

«La relazione d’ aiuto ha molto in comune con le relazioni di amicizia, con le relazioni familiari, con le relazioni pastorali. Tutte quante sono dirette ad appagare bisogni umani basilari e, quando le si voglia ridurre nelle componenti essenziali, rivelano molte somiglianze.» (Brammer)

In tutte le tipologie di relazione umana si riscontra , o se ne sente la sua mancanza, un processo di aiuto. L’ aiutare e il farsi aiutare non è eslusiva delle professioni di aiuto. La capacità del professionista dell’ aiuto consiste solo nello svolgere al meglio, con sempre più amplia consapevolezza e una forte intenzionalità ciò che la maggioranza delle persone si trova a fare in modo spontaneo nei variegati momenti della vita. Questo elemento comune, tra le relazioni umane e le professioni d’ aiuto, non semplifica la dinamica dell’ aiuto, caso mai , la complessizza rendendola certo ricca di risorse acquisite ma anche densa di ostacoli e di inciampi, così come lo è nella vita relazionale quotidiana.

Continue reading →

Posted by wp_6084791 in Seminari
IL LATO OSCURO CHE ALBERGA DENTRO DI NOI. RICONOSCERE LA PARTE OMBRA PER INTEGRARLA

IL LATO OSCURO CHE ALBERGA DENTRO DI NOI. RICONOSCERE LA PARTE OMBRA PER INTEGRARLA

« Ognuno di noi è seguito da un’ombra e meno questa è integrata nella vita conscia dell’ individuo tanto più è nera e densa»(C.G.Jung)

“Non c’è niente di umano che mi sia estraneo” (B.Spinoza)

Riconoscere le proprie debolezze e le proprie ombre sembra una questione alquanto difficile. Tutti vogliamo apparire splendenti , cavalieri senza macchia o all’ opposto mostrandoci , da subito, come calimero tutto nero ( immagine d’ altri tempi) , almeno gli altri non avranno più spazio per colorarmi di nero. Per il poeta R. Bly l’ « ombra » è una sorta di sacco invisibile, che ci portiamo dietro , appeso alle nostre spalle, e dove mettiamo lì tutte le parti di noi che non ci piacciano ( che poi sono quelle che non sono piaciute ai nostri educatori e che non piacciano alla società ).

Rabbie, paure, debolezze, impotenze, gli assassini e i ladri che compaiano nei nostri sogni, via , tutti nel sacco e più passa gli anni e più il sacco e pieno e più è pieno e più le parti regrediscono, si incattiviscono e si brutalizzano. Vuoi, poi, non aver paura ad aprire il sacco ?

Continue reading →

Posted by wp_6084791
L’ INTELLIGENZA DEL CUORE E GLI STATI RISORSA

L’ INTELLIGENZA DEL CUORE E GLI STATI RISORSA

« Respirare l’aria, che delizia! Parlare, passeggiare, afferrare qualcosa con la mano!Essere questo incredibile Dio che io sono! O meraviglia delle cose, anche delle più piccole particelle!O spiritualità delle cose!Io canto il sole all’alba e nel meriggio, o come ora nel tramonto:tremo commosso della saggezza e della bellezza della terra e di tutte le cose che crescono sulla terra.E dico che la Natura è eterna, la gloria è eterna.Lodo con voce inebriataperché non vedo un’imperfezione nell’universo, non vedo una causa o un risultato che, alla fine, sia male. » (W. Whitman)

Per essere grande, sii intero: non esagerare e non escludere niente di te.  Sii tutto in ogni cosa.  Metti tanto quanto sei,  nel minimo che fai,  come la Luna in ogni lago tutta risplende,  perché in alto vive. (F. Pessoa)

Un percorso di crescita personale e professionale non può prescindere dal contattare le nostre risorse e in particolare dal considerare l’ enorme potenziale dell’ intelligenza del nostro cuore.

Le ultime ricerche hanno dimostrato scientificamente l’ esistenza dei un vero e proprio “cervello del cuore” capace di “prevalere” sul cervello e “imporre” i propri stati, capace , cioè , di guidare con maggiore saggezza le nostre azioni e i nostri stati interiori.

Perchè non lo usiamo ? Come fare per prendere contatto e “accendere” e svegliare quella guida interiore ? E inoltre , come riconoscere meglio le nostre risorse ? Come sentirle nel nostro corpo e riconoscerle come preziose alleate nei momenti di difficoltà, disagio o sofferenza ? E quali sono le risorse che ci hanno aiutato a sopravvivere e che, forse, alcune di queste non sono più funzionali alla vita ?

A queste e altre domande cercheremo di rispondere durante il seminario in modo da permettere a tutti noi di sviluppare maggiore consapevolezza dei tesori che custodiamo….e che spesso, non ci rendiamo conto.

Conduttore : Dr. Giuseppe Tomai – Formatore Aico

Sabato 17-Domenica 18 Dicembre 2016
9.30-13 / 14 – 17.30
Via del Malcantone. 15 – Firenze
( presso Vivaio del Malcantone )

Il seminario rientra nel percorso della Scuola di Counselling Integrato ed è aperto a chi fosse interessato alla crescita personale e/o professionale e non vincola ad effettuare il percorso triennale della Scuola.
Considerato il numero limitato di partecipanti si consiglia, se il seminario interessa, di iscriversi il prima possibile.

Libri obbligatori per chi è allievo della Scuola di Counselling :
A. Marquer, “ Usare il cervello del cuore”, Edizioni Amrita
Per informazioni e iscrizioni:
Segreteria – Katia : mobile 3384238091

Posted by wp_6084791
Load more